Che fare in caso vertigini e vomito?

VERTIGINI

La vertigine è  quella sensazione illusoria di spostamento del nostro corpo o degli oggetti che ci circondano.

Il termine “vertigini” deriva dal verbo latino “verto”, che in italiano significa “girare” o “ruotare su sé stessi”.

E’ un segnale da no sottovalutare: può essere dovuta a strabismo, lesioni oculari, tumori celebrali, emorragie, embolie, meningite, sifilide celebrale, ipertensione, epilessia.

Si possono avere vertigini anche per affezioni gastriche, intestinali o uterine, intossicazioni.

Il primo soccorso consiste semplicemente nel far stendere il soggetto nella posizione a lui più favorevole, evitando cibi e bevande.

Su www.my-personaltrainer.it a più comune causa di vertigini è la condizione nota come vertigine parossistica posizionale benigna (VPPB).

La VPPB è un disturbo dell’apparato vestibolare: sarà comunque necessario consultare il medico.

VOMITO

Il vomito è l’emissione attraverso la bocca di sostante alimentari miste a succo gastrico o bile. Si ha il vomito quanto a seguito di contrazione dello stomaco a piloro chiuso vi è stata una introduzione di quantità eccessiva, oppure a malattie del cervello, del fegato, dei reni. Si può avere vomito anche di origine psicogena.

In caso di vomito la prima cosa da fare è sospendere l’alimentazione per qualche ora.
Il vomito prolungato provoca disidratazione: sarà pertanto necessario somministrare acqua e sali di cucina.

Se il soggetto è incosciente bisogna girargli la testa per impedire che il vomito entri in gola provocando lo soffocamento.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: