aspirina-bayer-acido-acetilsalicicilico

Come è nato il nome dell’aspirina

Hai mal di testa? Prendi l’aspirina.

Quante volte i nostri genitori ci hanno invitato a prendere l’aspirina?

L’ASPIRINA – COME NASCE IL SUO NOME

Nome comune (dal nome com­merciale depositato del prodotto di un’industria farmaceutica, la Bayer) di una sostanza medicamentosa, l’acido acetilsalici­lico – molto nota e usata in alcune malattie come i reumatismi e l’influenza.

Le virtù del salice

Fino al 1700, gli Europei usavano come rimedio contro le febbri un estratto di origine vegetale, prodotto con la corteccia dell’albero della china, o cinchona.

Si trattava però di un medicamento molto costoso, perché la corteccia r di china doveva essere importata dal/Amen:ed Mendibwale,era quindi naturale che gli studiosi cercassero una medicina più economica e più facilmente reperibile.

Fu così che attorno al xviii secolo vennero scoperte, o per meglio dire valorizzate, le virtù curative della corteccia di salice.

Era diffusa in quel tempo una singolare teoria, detta «delle signature», la quale affermava che la benefica natura predisponeva un rimedio specifico in ogni luogo in cui una malattia era molto diffusa. Il fatto che le febbri malariche e i salici fossero di casa nei luoghi paludosi sembrava quindi una prova in più a favore di tale dottrina.

Oggi sappiamo che si tratta di pura coincidenza: ma da allora anche la scienza ha fatto grandi passi.

Si dovette arri­vare infatti al secolo scorso perché venissero estratti e identificati i principi attivi della corteccia di salice, e perché il suo principale componente, l’acido acetilsalicilico, poi battezzato «aspirina», venisse impiegato dai medici.

Le Azioni Curative dell’Aspirina

Le principali azioni dell’aspirina possono essere considerate quelle antidolorifica, febbrifuga e antifiammatoria.

L’aspirina viene infatti comunemente prescritta per attenuare lievi dolori o per far scomparire la febbre; per la sua azione antifiammatoria è poi ampiamente usata in tutto il mondo come rimedio contro i reumatismi.

Nella lunga storia della lotta al reumatismo, l’aspirina ha anzi costituito un vero e caposaldo fino all’avvento di farmaci antifiammatori più moderni e potenti.

Per quanto l’aspirina abbia una storia lunga, pare che non abbia ancora terminato di riservare sorprese: si è scoperto che il suo impiego tende a far aumentare il tempo di coaugulazione del sangue ed è quindi allo possibile uso in altre malattie.

Nel complesso l’aspirina è uno dei medicinali più efficaci per quanto il suo abuso possa provocare disturbi gastrointestinali.

(Nell’ultimo periodo si legge che l’aspirina può combattere il cancro: al momento però l’unica terapia per il cancro è la chemio).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: