I-PICCIONI-sono-portatori-di-malattia

I piccioni e le malattie che trasmettono

Perché i piccioni urbani sono tanto pericolosi per la salute dei nostri bambini?

La presenza di piccioni in città è una cosa alla quale siamo abituati, anzi sin da piccoli abbiamo imparato a voler bene a questi volatili urbani, sempre pronti ad affollarsi ai nostri piedi per una manciata di bricioli di pane davanti alle chiese o nelle piazze della nostra città. Ma avete mai considerato il fatto che quegli stessi piccioni e colombi che per tante generazioni sono state fonte di gioia potrebbero rappresentare un forte rischio igienico-sanitario e che in tanti vogliano tenerli lontani dalle proprie case?

La contaminazione delle nostre case da parte dei piccioni

Ebbene oggi che siamo cresciuti abbiamo il dovere di guardare oltre a questa consuetudine di convivenza, spesso forzata, con i piccioni nelle nostre città e di renderci conto di come in verità la presenza di questi uccelli urbani possa essere pericolosa per noi e soprattutto per i nostri bambini.
Il guano dei piccioni infatti rappresenta una fonte di contagio per tantissime patologie. L’accumulo di escrementi di piccioni non provoca solamente danni strutturali da corrosione agli edifici e forte degrado per monumenti, davanzali e cornicioni. Nelle superfici dove i volatili amano alloggiare all’esterno dei nostri abitati si accumulano agenti patogeni e parassiti, i quali possono facilmente disperdersi nell’aria e quindi contaminare oggetti di uso quotidiano e persino alimenti.

Piccioni e colombi: una minaccia insospettabile per i bambini

La presenza di nidi negli edifici o la vicinanza e il contatto con i piccioni può favorire la diffusione e il contagio di alcune malattie infettive pericolose per l’uomo, ma ancora di più per i bambini. Infatti sono proprio i più piccoli ad essere più facilmente soggetti alle infezioni e patologie delle quali i piccioni sono comuni vettori, un po’ perché il loro organismo ha difese immunitarie più deboli di un adulto e un po’ per la loro abitudine di portare le mani anche sporche alla bocca.

Quali sono le malattie veicolate dai piccioni?

Ecco qualche esempio delle terribili patologie e infezioni alle quali esponiamo i nostri figli lasciandoli giocare con i piccioni in piazza, oppure non allontanando dalle nostre case le colonie di uccelli quando decidono di colonizzare gli abitati:
Criptococcosi, questa infezione che nasce come affezione di tipo polmonare può, se non trattata, aggravarsi in breve tempo e diffondersi in tutto il corpo con gravissimi esiti che possono sfociare anche in encefalite o meningite.

Istoplasmosi, l’Histoplasma fa parte della famiglia dei miceti, è un fungo che si sviluppa ad alte concentrazioni nel guano degli uccelli. Una volta contratto dagli individui più delicati, può svilupparsi portando a un’infezione di tipo acuto che il sistema immunitario non riesce a contenere. Anche se curata con antibiotici e antimicotici specifici l’infezione può cronicizzare portando a problemi di salute molto seri e permanenti.

Salmonellosi, i piccioni possono essere vettori di un tipo particolare di salmonella. La Salmonella Typhi, una febbre tifoide gravissima, ma anche di altre forme di salmonellosi come quelle che portano a gastro-enteriti e setticemie.

Ornitosi, questa malattia può essere trasmessa per via aerea respirando particelle contaminate da guano, è una forma setticemia simile ad una polmonite che – in bambini, anziani e persone dalle limitate difese immunitarie – può risultare anche fatale.

Toxoplasmosi non solo topi e gatti sono vettori di questa malattia del sistema immunitario tanto pericolosa per le donne in gravidanza e i bambini molto piccoli. Se negli adulti in salute la patologia può limitarsi a causare spossatezza e un leggero stato febbrile per altri può portare a gravi infiammazioni a carico dell’apparato visivo ed encefaliti fatali.

Questi sono solamente alcuni dei pericoli alla quale sottoponiamo i nostri bambini e le nostre famiglie quando vengono in contatto con piccioni, colombi e altri volatili urbani. Ora che siete informati siamo certi che farete molta più attenzione a queste apparentemente innocenti creature alate e non permetterete più ai vostri bambini di giocare con loro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: