emangiomi-infantili-che-sono-e-che-fare

Emangiomi Infantili: I centri italiani all’avanguardia

Che cosa sono gli emangiomi infantili?

Gli emangiomi infantili sono dei tumori vascolari benigni che esordiscono in età pediatrica, sia subito dopo la nascita sia dopo 6 o 7 mesi dalla stessa.

L’emangioma compare di solito in precise aree del corpo, in particolare: sulla testa, sul collo o sulle spalle.

Gli emangiomi possono essere facilmente riconosciuti poiché si presentano alla vista come una macchia dai contorni indefiniti, a volte più chiara della carnagione del bambino oppure assumono un caratteristico colore rosso acceso. Tuttavia, il colore tende a variare con il passare del tempo, divenendo spesso di un colore violaceo. Oltre al colore, a variare è anche la forma e la dimensione, che però si stabilizzeranno quando il bambino sarà nella fascia d’età compresa tra gli 1 e i 3 anni.

Intorno ai 5 anni, comincia al contrario una tendenza regressiva della macchia che può ridursi anche totalmente. Per questo motivo, non tutti gli emangiomi devono essere trattati medicalmente, ma qualora l’intervento fosse necessario bisogna affidarsi a un medico con esperienza nel trattamento degli emangiomi infantili e che operi in un centro specialistico all’avanguardia, in modo che possa tenere sotto controllo il paziente e prevenga eventuali effetti indesiderati.

Quali sono le cause e i fattori di rischio?

Non si conoscono con assoluta certezza le cause che provocano l’insorgere degli emangiomi infantili, tra le più probabili si annoverano, però, l’ipossia (carenza di ossigeno) durante la gestazione, l’incompleto sviluppo dei vasi sanguigni o la villocentesi. Gli emangiomi colpiscono dal 3 al 10 % della popolazione, con un rapporto femmine: maschi di 2,4:1.

Per quanto concerne i fattori di rischio, dunque, contribuiscono il sesso femminile (solitamente più soggetto rispetto a quello maschile), le gestazioni multiple, una pelle chiara o un eccessivo basso peso alla nascita.

A chi rivolgersi?

Qualora si dovesse notare la presenza di una macchia sul bambino, è bene rivolgersi innanzitutto al pediatra di base per una prima diagnosi e accertarsi che l’emangioma non sia solo un sospetto.

A questo punto, è bene consultare un medico specialista che possa fornire una diagnosi più concreta e che possa controllare l’emangioma e valutare se fosse o meno il caso di avviare un trattamento. La terapia deve essere somministrata e seguita in centri specialistici e all’avanguardia, questo perché solo in questi centri coesistono più ambulatori e più figure specializzate nel trattamento degli emangiomi infantili.

Quali sono i centri specialistici all’avanguardia in Italia?

Fortunatamente l’Italia vanta un’ampia disponibilità di centri all’avanguardia specializzati nel trattamento dell’emangioma infantile. In questi centri diversi professionisti (principalmente pediatra, dermatologo e chirurgo vascolare) lavorano congiuntamente nella stessa sede e riescono così a gestire al meglio tutte le problematiche del bambino, compresi gli eventuali effetti indesiderati.

Ogni Azienda Sanitaria presenta un proprio centro regionale, specializzato in questa patologia. Tra questi, si annoverano l’Ospedale Pediatrico Anna Meyer di Firenze, l’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma, la Fondazione Ca’Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, l’Istituto G. Gaslini di Genova, l’Ospedale dei Bambini Buzzi di Milano.

Per maggiori informazioni si può visitare il sito: http://emangioma.net/ .

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: