cosa-fare-in-caso-di-collasso-di-droga

Collasso causato dall’assunzione di droga

COLLASSO DA DROGA

Questo è purtroppo un caso sempre più frequente.

I sintomi sono: difficoltà di respirazione, perdita di coscienza, colorito cianotico, miosi, ipotensione, bradicardia, diminuzione della temperatura corporea.

La prima operazione da fare assolutamente è accertarsi se la persona respira.

Se non respira occorre iniziare immediatamente la respirazione bocca-bocca.

Se anche il battito della carotide è assente bisogna praticare anche il massaggio cardiaco.

Anche se la vittima del collasso sta respirando e ha le pulsazioni cardiache, bisogna controllare che non sia in stato cianotico.

Ciò è dovuto ad un insufficiente assorbimento di ossigeno nel sangue. In questo caso bisogna somministrare ossigeno.

Se il soggetto non ha nessuna reazione a uno stimolo doloroso significa che è in corna profondo e occorre l’immediato ricovero in ospedale.

Se invece reagisce in qualche modo ai dolore (gemiti o tentativi di tirarsi indietro) bisognerebbe tentare di sollevarlo con prudenza, osservando ogni segno di peggioramento delle sue condizioni. Bisognerebbe sapere poi che tipo di droga ha preso la vittima: ciò può aiutare molto il lavoro del medico.

É necessario ricordare poi che c’è il grosso rischio che il soggetto vomiti e poi inali nei polmoni una parte di liquido.

Questa aspirazione è estremamente pericolosa perché i liquidi contenuti nello stomaco sono molto dannosi per il tessuto dei polmoni, e il risultato di solito è una “polmonite chimica”.

Accertarsi quindi che la testa del soggetto sia sempre reclinata da un lato e che la bocca e le vie respiratorie siano sempre libere.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: