acqua-di-cocco-salute-sport

Acqua di cocco: benefici

Acqua di cocco

Si trova al supermercato e nei negozi di alimentazione biologica ed è la bevanda “in” dell’estate. Attenzione a come la scegliete, perché alcune marche contengono zuccheri aggiunti.

Negli Stati Uniti è diffusissima. Non c’è celebrità o star del cinema a cui non sia stato rubato uno scatto con una di queste bevande in mano, magari in un’assolata giornata losangelina o dopo l’allenamento in palestra.

Ovviamente “l’acqua di cocco mania” ha attraversato l’Oceano prendendo piede anche da noi.

Di cosa si tratta esattamente?

Molto semplice: è il liquido limpido all’interno della noce di cocco non matura.
Da non confondere, quindi, con il latte di cocco, che è invece un’emulsione della polpa grattugiata del cocco maturo.
La sua composizione è questa: acqua (per il 95%), un po’ di zucchero (quello contenuto naturalmente nella frutta) e qualche sale minerale, soprattutto potassio (circa 200 mg per 100 ml).

In pratica una bevanda naturale dissetante e rinfrescante, che spesso viene utilizzata dagli sportivi per reidratarsi, magari al posto delle altre bibite con sali più conosciute sul mercato.

Sebbene non abbia nulla di miracoloso, può essere un modo relativamente ipocalorico (100 ml di questa bevanda apportano dalle 15 alle 20 kcal) per aggiungere potassio alla dieta e mantenersi idratati.

E può essere una soluzione più salutare per chi, in particolare d’estate, non sa rinunciare alle bevande zuccherate.

Ma attenzione a come la si sceglie: in alcuni prodotti vengono aggiunti zuccheri, in alcuni casi anche molti, per renderli più appetibili.

Per gli amanti del frutto un’ultima avvertenza: sappiate che ha un gusto un po’ salato che ricorda vagamente la noce, ma che certo non sa di cocco come siamo abituati a gustarlo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: